CALENDARIO SETTIMANALE

DOMENICA 28 GENNAIO
Ore 08,00 PER LA COMUNITA’
Ore 10,30 GIOVANNA CARLIN TRIG.

LUNEDÌ 29 GENNAIO
Ore 08,00 Recita lodi
Ore 17,30 S. MESSA
MARTEDÌ 30 GENNAIO
Ore 08,00 Recita lodi
Ore 17,30 MARIA LOI SPANU 1° ANN.
MERCOLEDÌ 31 GENNAIO
Ore 08,00 Recita Lodi
Ore 17,30 S- MESSA
GIOVEDÌ 1 FEBBRAIO
Ore 08,00 Recita Lodi
Ore 17,30 S.MESSA
VENERDÌ 2 FEBBRAIO
Ore 08,00 Recita di Lodi
Ore 17,30 PRESENTAZIONE DEL SIGNORE
SABATO 3 FEBBRAIO
Ore 08,00 Recita di Lodi
Ore 17,30 MICHEL COCCIU TRIG.

DOMENICA 4 FEBBRAIO
Ore 08,00 PER LA COMUNITA’
Ore 10,30 GIORNATA DELLA VITA

Buona domenica !

Unknown

All’inizio della rivoluzione del 1968  un giovane interrompe la predica del celebrante; duemila anni prima a Cafarnao un altro giovane, posseduto dal demonio, contesta  Gesù che inizia a prendersi la scena della storia: “Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci?”.  Gesù insegna “con autorità”, cioè non vende dottrine che accarezzano l’orecchio, ma proclama una parola che salva e propone un esempio di vita che la conferma, non una solitudine narcisista i superuomo ma un audace innamorato dell’umanità. Quel giorno il demonio esce eccezionalmente allo scoperto poiché preferisce  normalmente le catene invisibili del  silenzio che convince gli uomini a credere che non esiste mentre  li vaccina contro la parola di Gesù che salva, il volto che affascina, la comunione che divinizza. Distinguere le due voci, scegliere tra i due protagonisti della storia personale e comunitaria non è una operazione puramente intellettuale. Esige il coraggio dell’ascolto, l’audacia della fede, la scommessa dell’amore che spezza tutte le catene delle moderne schiavitù. Buona domenica!

CALENDARIO SETTIMANALE

DOMENICA 21 GENNAIO
Ore 08,00 PER LA COMUNITA’
Ore 10,30 BARTOLOMEO FANCELLO TRIG.

LUNEDÌ 22 GENNAIO
Ore 08,00 Recita lodi
Ore 17,30 S. MESSA
MARTEDÌ 23 GENNAIO
Ore 08,00 Recita lodi
Ore 17,30 S. MESSA
MERCOLEDÌ 24 GENNAIO
Ore 08,00 Recita Lodi
Ore 17,30 S- MESSA
GIOVEDÌ 25 GENNAIO
Ore 08,00 Recita Lodi
Ore 17,30 S.MESSA
VENERDÌ 26 GENNAIO
Ore 08,00 Recita di Lodi
Ore 17,30 S. MESSA
SABATO 27 GENNAIO
Ore 08,00 Recita di Lodi
Ore 17,30 ZIA IGNAZIA 105 ANNI.

DOMENICA 28 GENNAIO
Ore 08,00 PER LA COMUNITA’
Ore 10,30 GIOVANNA CARLIN TRIG.

Buona domenica !

Unknown

Gesù è un Dio che si sporca le mani stringendo quelle di Simone e Andrea, Giacomo e Giovanni.  callose di sole e di salsedine, impigliate tra reti  intere  e sfilacciate. Li raggiunge sulla spiaggia  davanti alle loro barche che raccontano speranze e delusioni, notti di abbondanza e rientri  a reti vuote. Sono prigionieri delle loro piccole storie, fatte di pochi volti e di notti e giorni sempre uguali. Non sospettano  avventure più esaltanti del loro quotidiano: ” non c’è niente di nuovo sotto il sole”. Gesù si sporca le mani per pulire quelle dei nuovi quattro  amici  che  scommettono sullo sguardo di questo misterioso turista sulla loro spiaggia, e lo seguono in un’avventura di cui non pretendono di conoscere né trama nè guadagni.  Anche noi siamo chiamati a registrare lo sguardo di Gesù che ci raggiunge di fronte alle nostre reti che pescano tutto il male e il pianto del mondo, di fronte alla nostra barca sulla quale non sempre abbiamo l’audacia di prendere il largo verso gli orizzonti nuovi del cuore e della speranza. Gesù ci guarda, ci chiama e ci invita a scommettere sul fascino del suo sguardo,  sulla originalità della sua proposta di amore, sulla certezza della sua presenza.

Fuoco di S. Antonio

IMG_1051

Il vento ha movimentato non poco il fuoco. Alle 17,30 la S. Messa cantata dal coro Prama ‘e Seda e poi la benedizione del Fuoco di S. Antonio: un girandola di scintille e di fumo secondo il variare della direzione del vento. La vigilia faceva temere il peggio, invece grande festa di popolo, allietata dal caratteristico  dolce e uno (e più di uno) bicchiere di buon vino. Complimenti e ringraziamenti al Priore Alessandro Lostia e a tutti i suoi numerosi collaboratori per questo bel dono alla comunità di Cala Gonone.

Buona domenica !

Unknown

Cercare è il respiro del cuore giovane. Chi non cerca non ha desideri: ha il cuore rassegnato all’immobilismo di chi ha messo i remi in barca. Gesù interroga i  due giovani seguaci di Giovanni Battista che lo seguono incuriositi: “Cosa cercate?” Da quel giorno non possiamo stare tranquilli. Quella domanda scomoda di Gesù incrocia la reazione del cuore alla quotidiana fatica della vita. Un giornalista del secolo scorso ha scritto un libro molto amaro sulla ricerca di Dio: “Ho cercato e non ho trovato”;  S. Agostino dopo anni tormentati confessa: “Ci hai fatto per te, Signore, e il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”. I due discepoli hanno accolto l’invito a seguire Gesù, hanno cercato,  hanno trovato. Andrea ha trovato Gesù che gli ha cambiato la vita, per questo, incontrando il suo fratello Simone non ha potuto fare a meno di parlargliene, anzi l’ha condotto da Gesù. Oggi cerchiamo  Gesù o  abbiamo messo in naftalina il Vangelo neutralizzandomela potenza rivoluzionaria?  Noi cristiani  siamo  seminatori di inquietudine  o  semplici numeri della infinita processione degli uomini stanchi e seduti sulla riva senza il coraggio di prendere il largo?  Buona domenica!.

Calendario settimanale

DOMENICA 7 GENNAIO
Ore 08,00 I.O.
Ore 10,30 PER LA COMUNITA’

LUNEDÌ 8 GENNAIO
Ore 08,00 Recita lodi
Ore 17,30 S. CUORE
MARTEDÌ 9 GENNAIO
Ore 08,00 Recita lodi
Ore 17,30 ANTONIO SOTGIU
MERCOLEDÌ 10 GENNAIO
Ore 08,00 Recita Lodi
Ore 17,30 S. MESSA
GIOVEDÌ 11 GENNAIO
Ore 08,00 Recita Lodi
Ore 17,30 S.MESSA
VENERDÌ 12 GENNAIO
Ore 08,00 Recita di Lodi
Ore 17,30 S. MESSA
SABATO 13 GENNAIO
Ore 08,00 Recita di Lodi
Ore 17,30 PIETRO FANCELLO SIMONE 1° ANN.
SR. ANNA MARIA PINNA TRIG.

DOMENICA 14 GENNAIO
Ore 08,00 PER LA COMUNITA’
Ore 10,30 S. MESSA

Famiglia luogo di perdono

Non esiste una famiglia perfetta. Non abbiamo genitori perfetti, non siamo perfetti, non sposiamo una persona perfetta, non abbiamo figli perfetti. Abbiamo lamentele da parte di altri. Ci siamo delusi l’un l’altro. Pertanto, non esiste un matrimonio sano o una famiglia sana senza l’esercizio del perdono. Il perdono è vitale per la nostra salute emotiva e per la nostra sopravvivenza spirituale.. Senza perdono la famiglia diventa un’arena di conflitti e di punizioni.
Senza il perdono, la famiglia si ammala. Colui che non perdona non ha pace nell’anima o comunione con Dio. Il dolore è un veleno che intossica e uccide. Mantenere il dolore nel cuore è un gesto autodistruttivo. Colui che non perdona diventa fisicamente, emotivamente e spiritualmente malato.
Ed è per questo che la famiglia ha bisogno di essere un luogo di vita e non di morte; il territorio della cura e non della malattia; lo scenario del perdono e non della colpa. Il perdono porta gioia dove il dolore produce tristezza, e dove il dolore ha causato la malattia”.
Papa Francesco.