IL FUOCO DI S. ANTONIO

Sabato 16, anche a Gonone ha brillato il Fuoco di S. Antonio davanti al mare a a una folla festante. Alle 17,30 la S. Messa in onore del Santo in chiesa, resa ancor più solenne dal canto del Coro Tiscali, durante la quale è stato presentato il messaggio di questa bella tradizione religiosa della nostra terra.

La pioggia non ha scoraggiato questa autentica festa di popolo. Complimenti corali e sinceri al priore Ignazio Bacchitta, familiari e collaboratori, che hanno fatto onore al Santo e al popolo. Simpatia e allegria attorno al fuoco e nella sede della Croce azzurra tra mangiar pistiddu e vuotar bicchieri di vino robusto. A largos annos!

IMG_1391

PRENDIMI PER MANO

Un giorno un padre usciva dal supermercato con un borsone carico di ogni ben di Dio. Il figlioletto di sei anni gli trotterellava dietro. Sembrava stufo e insoddisfatto.

Il padre gli domandò: ” Che cosa vuoi di più?  Ti ho preso la cartella, ti ho preso i pennarelli, ti ho preso la gomma profumata, ti ho preso il leccalecca, che cosa vuoi che ti prenda ancora?”.

Il bambino rispose: “Prendimi per mano!”.

Dio ci prende per mano. Ogni papà è chiamato a raccontare ai figli la “mano del cuore” di Dio.

LA VERGOGNA DEL SILENZIO

150 milioni di cristiani nel mondo sono perseguitati per la fede.

700 mila cristiani sono fuggiti  dalla Siria  e il 70 per cento dall’Irak. 4.344 i cristiani uccisi per la fede in un anno e 1.062 le chiese assaltate, incendiate o distrutte.                                                                                                                      

Il primato assoluto è della Corea del Nord: circa 60 mila fedeli dietro le sbarre.                                                                           Ogni anno 700 donne pachistane cristiane sono costrette a convertirsi all’islam. Queste cifre sono destinate a crescere in tante altre nazioni.

Il Papa non si stanca di denunziare la vergogna del silenzio e l’indifferenza dei governi occidentali e dei mezzi di comunicazione sociale.

Rifletterci farebbe bene al nostro stanco cristianesimo occidentale. 

CAMBIO DI “PANDELA”

IMG_1095-2

La sera dell’Epifania ha registrato la consegna dello stendardo di S. Antonio dai Priori 2015, Cipriano Vedele e Sabina,  al nuovo Ignazio Bacchitta.

La cerimonia, semplice e familiare, ha avuto luogo in chiesa, e si è conclusa in casa del nuovo Priore col tradizionale “cumbidu” in un clima gioioso. Così è già avviata la macchina che avrà il momento culminante la sera del 16 gennaio con la S. Messa delle 17,30,  la benedizione del fuoco e il momento comunitario della festa.

Auguri al nuovo Priore e ai suoi collaboratori.

E’ MORTA MARIA STELLA MULAS

Ieri sera, verso le 19, nella sua casa di Dorgali è morta MARIA STELLA MULAS vede. Angioi.

Un male inesorabile ha stroncato la sua fibra a 69 anni. Qualche mese fa aveva pianto la morte del suo amatissimo sposo Eraclito,  che aveva accompagnato con fede e amore nella lunga stagione del dolore e della sofferenza.

Ricordiamo Maria Stella per la bontà e dignità con cui ha affrontato la vita fino all’ultimo giorno. La fede profonda e la familiarità con la preghiera l’hanno sorretta nella prova lasciando a tutti un luminoso esempio di madre, di sposa.

I funerali si svolgeranno domani nella parrocchiale di S. Caterina a Dorgali alle 15,30.

Ai figli e familiari l’affettuosa vicinanza della Comunità

PRESEPIO VIVENTE

IMG_0561

Martedì 5, vigilia della Epifania,  nel Cineteatro di Cala Gonone è stato presentato “Il Presepio vivente”.

Protagonisti i nostri bambini, preparati dalle Catechiste nelle settimane precedenti.

Accoglienza calorosa e festosa da parte dei familiari e parenti dei piccoli-grandi attori che hanno offerto un bellissimo messaggio di vita sulla famiglia.

4 scene, commentate da alcune riflessioni di papa Francesco e coronate da alcuni canti natalizi.